Ciclamino in vaso: coltivazione, cura e potatura

pianta di ciclamino rosa in vaso

Notice: get_currentuserinfo è deprecata dalla versione 4.5.0! Utilizzare al suo posto wp_get_current_user(). in /home/giardinaggio.milano.it/htdocs/wp-includes/functions.php on line 3840

In botanica è conosciuto come Cyclamen persicum, da tutti è conosciuto come ciclamino. Questa pianta ornamentale è una delle più diffuse nel nostro paese soprattutto per i colori dei fiori, sempre molto accesi e davvero piacevoli da guardare nel periodo di massima fioritura. Il ciclamino, infatti, è una delle piante ornamentali più utilizzate nei giardini anche per la durata della sua fioritura, che va dai mesi autunnali fino a quelli primaverili. Il ciclamino in vaso è davvero apprezzato da chiunque: la sua fioritura è costante e soprattutto può essere coltivato in casa. Ecco dunque quali sono le caratteristiche di questa pianta, come è possibile curarlo e coltivarlo al meglio.

Ciclamino in vaso, come coltivarlo in casa

ciclamini colorati

Il ciclamino in vaso, come già detto, è molto apprezzato per la coltura in casa proprio per la sua duttilità. Infatti si adatta a diversi tipi di ambiente. Non bisogna assolutamente metterlo vicino alle fonti di calore, altrimenti la sua coltura verrà compromessa. Una posizione esposta alla luce ma non troppo fredda sarebbe l’ideale: la sua esposizione infatti non deve essere diretta verso i raggi solari, proprio per evitare il troppo calore che porterebbe alla morte della pianta. Le ustioni gravi non devono in nessun modo colpire il ciclamino, altrimenti la pianta potrebbe subire gravi danni.

Ciclamino: quando e come annaffiarlo

L’irrigazione sarà fondamentale in un ambiente secco come quello invernale. Dentro caso la siccità potrebbe colpire anche per via del riscaldamento artificiale, dunque è sempre bene umidificare il terriccio con annaffiatura costante. Un consiglio per poter far respirare meglio il ciclamino in vaso è quello di tenerlo in un vaso che sia leggermente più grande della pianta. Non bisogna mai dimenticare l’irrigazione: questa sarà fondamentale per una perfetta e costante fioritura.

Quali sono le malattie da evitare? In primo luogo bisogna fare attenzione alle muffe. Per poter evitare la formazione di questi elementi è bene immergere la pianta e irrigarla con questa tecnica. In questo modo si eviterà la formazione di un ristagno di acqua e non si creerà l’ambiente per poter far progredire le muffe. La troppa irrigazione può portare anche alla Botrite, una malattia di origine fungina. Per evitare che la pianta si ammali e che subisca delle gravi conseguenze, è bene rispettare le quantità d’acqua e rinvasare la pianta. Esistono anche diversi tipi di fungicidi, ma è meglio prevenire la malattia ed evitare appunto i ristagni. Un ambiente sano è il primo passo per curare al meglio il proprio ciclamino in vaso ed evitare che la pianta possa subire danni permanenti.

Potatura del ciclamino in vaso

La potatura del ciclamino in vaso è molto particolare e deve essere compiuta in base alla situazione che si presenta. Essendo una pianta comunque delicata, non bisogna tagliare rami o altro, ma dovrete semplicemente eliminare le foglie secche e i rametti meno in salute. Questo manterrà uno stato ottimale di salute della pianta, che eviterà di soffrire. Quando potate il ciclamino in vaso, evitate di recidere il ramo in maniera sbagliata e lasciando dei residui: questo potrebbe portare delle complicazioni non indifferenti e la salute della pianta potrebbe risentirne.